Redazionali

Buono a Sapersi!
La microbiologia premia Agrogel®

27/08/2012

Per prevedere quale sarà il destino dei fertilizzanti una volta nel suolo, ci viene in aiuto la stechiometria predittiva, branca della microbiologia applicata che fornisce informazioni utili su quali devono essere i rapporti ottimali tra i vari elementi necessari allo sviluppo delle popolazioni microbiche.

Uno dei rapporti più importanti nel caso della microbiologia del suolo è il rapporto C:N il carbonio e l’azoto infatti sono due elementi fondamentali in quanto il primo fornisce energia per i processi biochimici, mentre il secondo costituisce le diverse componenti cellulari e partecipa alle principali vie metaboliche.

In materia di concimazione, in particolare quella organica ed organo-minerale, e nutrizione delle piante è importante conoscere il rapporto dei materiali che sono destinati ad essere interrati nel suolo: questo rapporto, infatti, è un ottimo indicatore del processo di degradazione, ad opera dei microrganismi del suolo, a cui andranno incontro.

L’attività microbica è stimolata dalla sostanza organica con una buona dotazione di azoto: l’attività degradativa, quindi, sarà maggiore e più rapida per tutti i fertilizzanti che presentano un rapporto C:N simile a quello dei microrganismi e che si aggira attorno a 4-10:1; in parole semplici i microrganismi, per mineralizzare l’azoto necessitano, come fonte di energia nel loro metabolismo, di una quantità di carbonio che è quattro volte quella dell’azoto da mineralizzare.

Se però il rapporto C:N si discosta molto, la degradazione della biomassa e la conseguente mineralizzazione dell’azoto organico avanzerà in modo lento e limitato nel tempo: una volta esaurita la disponibilità dell’azoto, infatti, i microrganismi o bloccano la mineralizzazione oppure utilizzano l’azoto già disponibile nel suolo, sottraendolo alle piante.

E i fertilizzanti ILSA come si comportano nel suolo?

I fertilizzanti ILSA contenenti elevate quantità di azoto e carbonio organici, una volta nel suolo vengono degradati dai microrganismi che mineralizzano l‘azoto in essi contenuto, per renderlo disponibile alle piante.

Agrogel®, la matrice azotata ILSA utilizzata per la produzione dei concimi organici ed organo-minerali solidi, ha un rapporto C:N inferiore a 4. Ne consegue che in essa i microrganismi del suolo trovano una fonte di sostanza organica ottimale e facilmente utilizzabile: l’azoto organico, una volta mineralizzato, è reso totalmente disponibile alle piante.

ILSA PER L'INDUSTRIA

 

Da sempre ILSA serve l’industria con materie prime naturali derivanti da processi industriali unici in grado di incrementare il potenziale e l’efficacia dei vostri fertilizzanti e biostimolanti. Con le soluzioni tailor-made o le materie prime di ILSA, crescono le opportunità per le industrie che puntano a formulare prodotti innovativi per distinguersi nel mercato.

SCOPRI DI PIU'

ilsa PER L'AGRICOLTURA

 

Biostimolanti e prodotti ad azione specifica, fertilizzanti organici ed organo minerali, solidi e liquidi, per l'agricoltura convenzionale e biologica, in grado di aumentare la qualità e le rese produttive, soddisfacendo al meglio le esigenze di agricoltori sempre più specializzati e rispettosi dell'ambiente.

SCOPRI DI PIU'


COSA PUOI COLTIVARE CON I PRODOTTI ILSA ?

Scegli la coltura di tuo interesse e scopri quali sono le soluzioni per la nutrizione e per la biostimolazione di ILSA.  

Registrandoti sul sito entrerai a far parte della community di ILSA a cui riserviamo la possibilità di consultare e scaricare tutta la documentazione di approfondimento altrimenti riservata, come dossier, schede prodotto, studi e relazioni, risultati di campi dimostrativi, e molto altro. Potrai inoltre richiedere piani di concimazione, anche ad hoc e scaricare quelli esistenti.

In Evidenza

LIFE BIOPOL: Attesi mercoledì i rappresentanti UE per la condivisione degli importanti risultati del progetto Ilsa, Codyeco, Università Cà Foscari, Dercosa ed Inpelsa

Lanciato nel 2015 e co-finanziato dalla EU nell’ambito del programma LIFE 2014-2020, LIFE BIOPOL ha dato prova di come sia possibile valorizzare sottoprodotti industriali, altrimenti destinati alla discarica, per formulare una chimica a basso impatto per il settore pelle...

Leggi tutto

ILSA al 22° Congresso Nazionale dedicato all’uva da tavola

Leggi tutto

I prodotti Ilsa sono quello che dicono di essere

Il laboratorio aziendale Ilsa totalizza risultati ineccepibili nelle prove interlaboratorio organizzate da UNICHIM, l’Associazione per l'Unificazione del Settore dell'Industria Chimica, a conferma dell’attendibilità dei parametri di analisi dei prodotti aziendali. Una sicurezza in più per gli agricoltori che scelgono Ilsa.

Leggi tutto

Il nuovo Regolamento Europeo sui fertilizzanti

ILSA racconta la sua esperienza di realizzazione dello studio di impronta ambientale di prodotto ( PEF) e di organizzazione (OEF. Il convegno vuole portare testimonianze di uso di questa metodologia...

Leggi tutto