Redazionali

Buono a Sapersi!
IlsaC-on, il biostimolante di ILSA

17/12/2013

L’obiettivo che ILSA sta perseguendo ormai da tempo è quello di valorizzare il suo esclusivo processo di idrolisi enzimatica per la produzione di biostimolanti. Tale processo, in cui si utilizzano basse temperature e pH neutro, non risulta aggressivo rispetto ai normali processi industriali di idrolisi. Ciò permette di mantenere intatte le strutture delle molecole e quindi di estrarre in maniera più efficace quelle molecole biostimolanti particolarmente attive nel proteggere e stimolare le piante, in maniera del tutto naturale.

Questo è possibile grazie ad oltre 15 anni di intensa ricerca, che hanno di recente portato l’azienda ad ottenere l’importante risultato dell’iscrizione in legge del primo idrolizzato enzimatico ottenuto da tessuti di fabacee.

IlsaC-on , il nome commerciale dell’idrolizzato, è un biostimolante che riveste un ruolo primario nella gestione agronomica delle coltivazioni. Con i cambiamenti in atto (aumento delle densità di semina e impianto, difesa integrata delle piante e, contemporaneamente, la necessità di aumentare rese e qualità), IlsaC-on è il biostimolante che aumenta l’efficienza in campo. E’ un formulato naturale che permette alle colture di esprimere il massimo delle proprie potenzialità produttive. Può sembrare fantastico ma di fatto per arrivare a scoprirlo, i ricercatori di ILSA, hanno osservato le sostanze che sono naturalmente presenti in alcune piante per rendersi conto che, in queste, è racchiusa una buona parte dei benefici che si vuole trasferire alle proprie colture. E la ricerca a ILSA, grazie anche a finanziamenti di enti pubblici che hanno creduto nella capacità progettuale dei biotecnologi aziendali e fidandosi del prestigio delle numerose università coinvolte, è riuscita nel tempo a rendere queste sostanze funzionali, grazie ad un processo di estrazione enzimatica complesso ma nel contempo dolce e mantenitivo. ILSA ha così ottenuto un formulato capace di offrire una spiccata attività biologica, che stimola positivamente il metabolismo delle colture attraverso un'azione biostimolante ormono-simile di tipo naturale. Il "segreto" di IlsaC-on  risiede nella bilanciata combinazione di specifici amminoacidi e di un complesso di alcoli a catena lunga. Tra questi, il rappresentante principe è il triacontanolo, intensamente sintetizzato proprio da molte fabaceae. Nelle piante IlsaC-on  promuove l’assorbimento dell’azoto e degli altri elementi nutritivi (in particolare ferro, potassio) ed il loro trasferimento all’interno delle foglie.Inoltre, permette la regolazione delle vie metaboliche attraverso le quali la coltura utilizza sia l'azoto, sia il carbonio. Questo si traduce in un maggiore sviluppo delle piante ed un più alto accumulo di zuccheri nei frutti. Grazie alla più efficace assimilazione dell’azoto (attraverso la regolazione degli enzimi del ciclo del carbonio e dell’azoto), IlsaC-on  consente la riduzione dell’accumulo di nitrati nelle foglie, a parità di azoto somministrato con i concimi.

La sua applicazione può essere effettuata sia per via radicale sia fogliare, inducendo reazioni simili a quelle determinate dai principali fitormoni, come l'acido indol-acetico e l'acido gibberellico. Ne consegue un allungamento dei germogli e delle radici, come pure uno stimolo alla differenziazione fiorale. Alla raccolta, ciò si traduce in un incremento delle biomasse e delle rese in generale. IlsaC-on  ha anche un’importante funzione di induttore di resistenza agli stress salini, perché aumenta la percentuale di piante germinate in condizioni di elevata salinità. La benefica azione di IlsaC-on  sul metabolismo, primario e secondario (quello deputato all’autodifesa), rende le piante anche più preparate, e quindi resistenti, agli attacchi di agenti patogeni fungini. La sua applicazione, quindi, permette di ridurre l’incidenza sulle colture delle principali fitopatie. In generale, nutrire e rendere le piante più forti in maniera per nulla invasiva per l’ambiente, significa rivoluzionare il concetto di nutrizione aprendo la strada ad una specializzazione sempre più netta verso prodotti ad azione specifica per suoli aridi, per stress salini, e adatti a molte altre situazioni di criticità. L’obiettivo è di estendere le superfici coltivabili, senza che ciò vada a discapito della salute dell’ambiente. Un’estensione del resto necessaria per l’incremento della popolazione e la crescente domanda di derrate alimentari.

Approfondimenti

ILSA PER L'INDUSTRIA

 

Da sempre ILSA serve l’industria con materie prime naturali derivanti da processi industriali unici in grado di incrementare il potenziale e l’efficacia dei vostri fertilizzanti e biostimolanti. Con le soluzioni tailor-made o le materie prime di ILSA, crescono le opportunità per le industrie che puntano a formulare prodotti innovativi per distinguersi nel mercato.

SCOPRI DI PIU'

ilsa PER L'AGRICOLTURA

 

Biostimolanti e prodotti ad azione specifica, fertilizzanti organici ed organo minerali, solidi e liquidi, per l'agricoltura convenzionale e biologica, in grado di aumentare la qualità e le rese produttive, soddisfacendo al meglio le esigenze di agricoltori sempre più specializzati e rispettosi dell'ambiente.

SCOPRI DI PIU'


COSA PUOI COLTIVARE CON I PRODOTTI ILSA ?

Scegli la coltura di tuo interesse e scopri quali sono le soluzioni per la nutrizione e per la biostimolazione di ILSA.  

Registrandoti sul sito entrerai a far parte della community di ILSA a cui riserviamo la possibilità di consultare e scaricare tutta la documentazione di approfondimento altrimenti riservata, come dossier, schede prodotto, studi e relazioni, risultati di campi dimostrativi, e molto altro. Potrai inoltre richiedere piani di concimazione, anche ad hoc e scaricare quelli esistenti.

In Evidenza

LIFE BIOPOL: Attesi mercoledì i rappresentanti UE per la condivisione degli importanti risultati del progetto Ilsa, Codyeco, Università Cà Foscari, Dercosa ed Inpelsa

Lanciato nel 2015 e co-finanziato dalla EU nell’ambito del programma LIFE 2014-2020, LIFE BIOPOL ha dato prova di come sia possibile valorizzare sottoprodotti industriali, altrimenti destinati alla discarica, per formulare una chimica a basso impatto per il settore pelle...

Leggi tutto

ILSA al 22° Congresso Nazionale dedicato all’uva da tavola

Leggi tutto

I prodotti Ilsa sono quello che dicono di essere

Il laboratorio aziendale Ilsa totalizza risultati ineccepibili nelle prove interlaboratorio organizzate da UNICHIM, l’Associazione per l'Unificazione del Settore dell'Industria Chimica, a conferma dell’attendibilità dei parametri di analisi dei prodotti aziendali. Una sicurezza in più per gli agricoltori che scelgono Ilsa.

Leggi tutto

Il nuovo Regolamento Europeo sui fertilizzanti

ILSA racconta la sua esperienza di realizzazione dello studio di impronta ambientale di prodotto ( PEF) e di organizzazione (OEF. Il convegno vuole portare testimonianze di uso di questa metodologia...

Leggi tutto