Redazionali

Buono a Sapersi!
La qualità dei frutti dipende dal benessere delle piante

06/11/2014

Le piante da frutto e tutte le arboree in generale presentano un ciclo fisiologico molto complesso. Dalla ripresa vegetativa fino alla caduta delle foglie, i fenomeni si susseguono e sovrappongono secondo un ordine preciso ed in risposta alle condizioni ambientali.

Se consideriamo il periodo di attività più intensa della pianta, che va da fine aprile alla metà di giugno, possiamo individuare tre principali eventi che avvengono quasi contemporaneamente: la formazione dei frutti (allegagione); la prima fase di sviluppo delle gemme; la crescita della nuova vegetazione.

Infatti, mentre si formano i frutti, avviene in contemporanea già lo sviluppo della vegetazione e la formazione delle gemme per l’anno seguente. I nutrienti sono utilizzati soprattutto nei frutti per aumentarne la pezzatura e le caratteristiche qualitative. Nello stesso momento, però, sui nuovi germogli inizia la formazione delle gemme che, nell’anno seguente, devono differenziarsi, cioè originare un germoglio (gemme a legno) od anche organi riproduttivi (gemme a fiore). Questo processo non è un fatto casuale ma dipende dall’equilibrio tra le sostanze nutritive disponibili.

E’ necessario quindi che la pianta utilizzi in maniera equilibrata i nutrienti disponibili tra i diversi processi e ciò è possibile solo attraverso l’equilibrio ormonale al suo interno. Se ad esempio la fruttificazione è troppo abbondante, la pianta avrà poche risorse per nutrire le gemme a fiore, con scarsa fruttificazione nell’annata seguente. Per questo, la pianta aumenta la produzione di ormoni (etilene ed acido abscissico) a livello dei giovani frutticini, in quanto riduce il numero di frutti da portare a maturazione, al fine di garantire uno sviluppo adeguato di quelli rimasti.

L’intervento dell’agricoltore deve essere rivolto a mantenere l’equilibrio tra i processi fisiologici fondamentali, garantendo contemporaneamente una buona formazione di nuovi germogli (attività vegetativa) ed una buona fruttificazione e qualità finale. L’equilibrio enzimatico ed il benessere della pianta sono quindi fondamentali per garantire, ogni anno, una buona produzione in termini quantitativi e qualitativi.

Qualità dei frutti richiesta dal mercato

Le caratteristiche qualitative che il mercato richiede per i frutti interessano sostanzialmente: il colore dell'epidermide, il sapore della polpa, la consistenza del frutto, tanto sull'albero che post-raccolta; specifiche esigenze tecnologiche della frutta per la trasformazione industriale.

Oltre che dalle tecniche di coltivazione (potatura, diradamento ecc.), dall’andamento climatico e dell’impollinazione, un fattore fondamentale per ottenere un’alta qualità dei frutti è sicuramente l’equilibrio ormonale della pianta.

I biostimolanti derivanti dalla ricerca ILSA vanno ad intervenire proprio sugli equilibri ormonali delle piante da frutto. Costituiti da sostanze naturali idrolizzate, agiscono direttamente sui livelli di espressione genica inerenti i metabolismi degli enzimi che regolano le fasi della formazione dei frutti e dei vari processi legati alla maturazione dei frutti.

E ciò anche in post-raccolta: l’accumulo dei solidi solubili e degli acidi titolabili è direttamente responsabile di tutte le caratteristiche qualitative e di shelf-life ed è influenzato dalle regolazioni metaboliche operate da complessi sistemi enzimatici. Benessere delle piante Il benessere (“esistere bene") è uno stato che caratterizza la qualità della vita di ogni pianta e ne coinvolge tutti gli aspetti. Il concetto di benessere non è incentrato sull’idea di assenza di patologie, ma sul concetto di buona salute complessiva (vegetativa, fisiologica, riproduttiva). Si può parlare di una condizione di armonia tra pianta e ambiente, risultato di un processo di adattamento a tutti i fattori che incidono sul ciclo produttivo vegetale.

Per le piante da frutto è quindi fondamentale un programma di nutrizione equilibrato, con concimi ad alta efficienza e l’uso di biostimolanti  naturali specifici, in grado di regolare il sistema enzimatico, attraverso processi totalmente naturali.

ILSAVIS+, nuovo biostimolante ILSA a base di Idrolizzato Enzimatico di Fabaceae, fa proprio questo: stimola positivamente il metabolismo delle piante, che raggiungono una fase di benessere tale da portare a maturazione un maggior numero di frutti e garantire ugualmente un’altissima qualità. I benefici di questo biostimolante sono molteplici: aumenta ed uniforma il numero di frutti allegati, riduce la cascola di post allegagione o lo sviluppo di frutticini incompleti, stimola la maggiore pezzatura dei frutti, uniforma la colorazione ed aumenta la consistenza della polpa.

Approfondimenti

ILSA PER L'INDUSTRIA

 

Da sempre ILSA serve l’industria con materie prime naturali derivanti da processi industriali unici in grado di incrementare il potenziale e l’efficacia dei vostri fertilizzanti e biostimolanti. Con le soluzioni tailor-made o le materie prime di ILSA, crescono le opportunità per le industrie che puntano a formulare prodotti innovativi per distinguersi nel mercato.

SCOPRI DI PIU'

ilsa PER L'AGRICOLTURA

 

Biostimolanti e prodotti ad azione specifica, fertilizzanti organici ed organo minerali, solidi e liquidi, per l'agricoltura convenzionale e biologica, in grado di aumentare la qualità e le rese produttive, soddisfacendo al meglio le esigenze di agricoltori sempre più specializzati e rispettosi dell'ambiente.

SCOPRI DI PIU'


COSA PUOI COLTIVARE CON I PRODOTTI ILSA ?

Scegli la coltura di tuo interesse e scopri quali sono le soluzioni per la nutrizione e per la biostimolazione di ILSA.  

Registrandoti sul sito entrerai a far parte della community di ILSA a cui riserviamo la possibilità di consultare e scaricare tutta la documentazione di approfondimento altrimenti riservata, come dossier, schede prodotto, studi e relazioni, risultati di campi dimostrativi, e molto altro. Potrai inoltre richiedere piani di concimazione, anche ad hoc e scaricare quelli esistenti.

In Evidenza

LIFE BIOPOL: Attesi mercoledì i rappresentanti UE per la condivisione degli importanti risultati del progetto Ilsa, Codyeco, Università Cà Foscari, Dercosa ed Inpelsa

Lanciato nel 2015 e co-finanziato dalla EU nell’ambito del programma LIFE 2014-2020, LIFE BIOPOL ha dato prova di come sia possibile valorizzare sottoprodotti industriali, altrimenti destinati alla discarica, per formulare una chimica a basso impatto per il settore pelle...

Leggi tutto

ILSA al 22° Congresso Nazionale dedicato all’uva da tavola

Leggi tutto

I prodotti Ilsa sono quello che dicono di essere

Il laboratorio aziendale Ilsa totalizza risultati ineccepibili nelle prove interlaboratorio organizzate da UNICHIM, l’Associazione per l'Unificazione del Settore dell'Industria Chimica, a conferma dell’attendibilità dei parametri di analisi dei prodotti aziendali. Una sicurezza in più per gli agricoltori che scelgono Ilsa.

Leggi tutto

Il nuovo Regolamento Europeo sui fertilizzanti

ILSA racconta la sua esperienza di realizzazione dello studio di impronta ambientale di prodotto ( PEF) e di organizzazione (OEF. Il convegno vuole portare testimonianze di uso di questa metodologia...

Leggi tutto