Redazionali

Assofertilizzanti, l'agricoltura tra passato e modernità

11/05/2010


Si è tenuto a Roma, nella Sala delle Colonne della Camera dei Deputati, la 25° Assemblea di Assofertilizzanti sul tema "L’agricoltura, nulla di più moderno".
L’incontro, moderato da Tiziana Ferrario, giornalista TG1 Rai, è stato aperto dalla lettura dei saluti del presidente della Camera dei deputati, Gianfranco Fini, di Giancarlo Galan, ministro delle Politiche agricole e di Paolo De Castro, presidente della Commissione Agricoltura del Parlamento europeo. L'intervento di Narciso Salvo di Pietraganzili, presidente onorario di Assofertilizzanti - nel festeggiare i 25 anni dell’Associazione - ha evidenziato come nel tempo la fisionomia del settore sia cambiata radicalmente e si sia trasformata da realtà di "monopolio" a settore caratterizzato da un'ampia e articolata offerta "di mezzi tecnici indispensabili per l’agricoltura".

Antonio Pascale
, giornalista, scrittore e autore del volume 'Scienza e sentimento' ha presentato la relazione su "Quanto ci costano i pregiudizi contro la scienza". Secondo Pascale tre 'scuole di pensiero' minano l’applicazione dei risultati della scienza in agricoltura, nonché i loro positivi risvolti pratici. Innanzitutto il 'Sapere nostalgico', che implica il fatto di considerare "buono" ciò che appartiene al passato e "sbagliato e corrotto" ciò che riguada il presente, "una convinzione che - secondo Pascale - offende il presente e demonizza il futuro".
Secondo poi, la 'Retorica dell’Apocalisse': "spesso la fine del mondo - ha detto lo studioso - è legata all’applicazione dei risultati scientifici, ciò equivarrebbe ad accostare la bomba atomica e il napalm agli Ogm o ai prodotti di sintesi usati in agricoltura".
Infine c'è il mito delle 'Fragole-pesce': una leggenda metropolitana che ha l’obiettivo di banalizzare lo sforzo della scienza in ambito di miglioramento genetico, trasformando lo sforzo della ricerca in una visione emozionale atta a dimostrare la "pazzia degli scienziati".

Secondo Maurizio Desantis, Servizio fitosanitario centrale del Mipaaf, "un uso ragionato e sostenibile dei fertilizzanti, grazie all'utilizzo di prodotti controllati e rispettosi delle normative, non reca danni alla salute e all’ambiente". Un grande contributo arriva in tal senso dalle nuove norme definite in ambito comunitario ed applicate in Italia. "Un efficace controllo sui fertilizzanti nella fase produttiva garantisce tutta la filiera - ha proseguito Desantis -: nel 2008 sono stati effettuati 4.000 controlli, con una incidenza di irregolarità del 2,5%, pari a 100 infrazioni amministrative. Inoltre, di questi solo 3 fertilizzanti avevano problemi reali per l’ambiente a causa della presenza di metalli pesanti".

A questo proposito Bartolomeo Pescio, presidente Assofertilizzanti, ritiene che l’Associazione rappresenti una vera e propria "garanzia per tutta la filiera produttiva". "L’uso appropriato di fertilizzanti - ha detto Pescio - rappresenterà sempre di più un elemento fondamentale per migliorare l’agricoltura sia nei Paesi emergenti, sia in quelli che sono tradizionalmente produttori di materie prime alimentari. Solo con i fertilizzanti si potrà continuare a parlare di agricoltura vera, al di là dell’emozionalità e degli aulici ricordi del passato".

Albino Gorini, vice presidente della Commissione Internazionale e delle politiche comunitarie del Cnel (Consiglio nazionale dell’economia e del lavoro), ha sottolineato "la mancanza di collaborazione da parte di certa stampa nella diffusione delle informazioni, fatto che spesso vanifica la competenza e la serietà di intere filiere".

Per Paolo Russo, presidente della Commissione Agricoltura della Camera dei Deputati, l’agricoltura non va “aggettivizzata” ma va semplicemente considerata come capace di generare “Pil” e “appeal” in quanto produttrice di alimenti indispensabili alla vita. "La scienza e la chimica offrono delle opportunità per migliorare le performance del settore - ha concluso Russo - e come tali devono essere vissute ed interpretate dall’intera filiera". La popolazione mondiale raggiungerà i 7 miliardi già nel 2011, mentre un bambino muore per malnutrizione ogni 6 secondi: il tema dell’Expo 2015 'Nutrire il pianeta' sarà un’occasione unica per far conoscere meglio l’agricoltura e il ruolo fondamentale che svolge per sfamare una popolazione in costante crescita.

In occasione dei 25 anni di Assofertilizzanti è stata riconosciuta una targa alle aziende ancora associate che appartenevano alla schiera dei soci fondatori. Il premio è stato consegnato da Bartolomeo Pescio, presidente di Assofertilizzanti. Le aziende premiate Basf Italia, Fabbrica Coperativa Perfosfati Cerea, ILSA, Organazoto fertilizzanti, Puccioni, Scam, Yara Italia, Adriatica Fertilizzanti, Bayer CropScience, Fertilizzanti Certaldo, L. Gobbi, Sipcam.

ILSA PER L’industria

 

Da sempre ILSA serve l’industria con materie prime naturali derivanti da processi industriali unici in grado di incrementare il potenziale e l’efficacia dei vostri fertilizzanti e biostimolanti.  Con le soluzioni tailor-made o le materie prime di ILSA, crescono le opportunità per le industrie che puntano a formulare prodotti innovativi per distinguersi nel mercato.

SCOPRI DI PIU'

ilsa per l’agricoltura

 

Biostimolanti e prodotti ad azione specifica, fertilizzanti organici ed organo minerali, solidi e liquidi, per l'agricoltura convenzionale e biologica, in grado di aumentare la qualità e le rese produttive, soddisfacendo al meglio le esigenze di agricoltori sempre più specializzati e rispettosi dell'ambiente.

SCOPRI DI PIU'

COSA PUOI COLTIVARE CON I PRODOTTI ILSA ?

Scegli la coltura di tuo interesse e scopri quali sono le soluzioni per la nutrizione e per la biostimolazione di ILSA.  

Registrandoti sul sito entrerai a far parte della community di ILSA a cui riserviamo la possibilità di consultare e scaricare tutta la documentazione di approfondimento altrimenti riservata, come dossier, schede prodotto, studi e relazioni, risultati di campi dimostrativi, e molto altro. Potrai inoltre richiedere piani di concimazione, anche ad hoc e scaricare quelli esistenti.

In Evidenza

LIFE BIOPOL: Attesi mercoledì i rappresentanti UE per la condivisione degli importanti risultati del progetto Ilsa, Codyeco, Università Cà Foscari, Dercosa ed Inpelsa

Lanciato nel 2015 e co-finanziato dalla EU nell’ambito del programma LIFE 2014-2020, LIFE BIOPOL ha dato prova di come sia possibile valorizzare sottoprodotti industriali, altrimenti destinati alla discarica, per formulare una chimica a basso impatto per il settore pelle...

Leggi tutto

ILSA al 22° Congresso Nazionale dedicato all’uva da tavola

Leggi tutto

I prodotti Ilsa sono quello che dicono di essere

Il laboratorio aziendale Ilsa totalizza risultati ineccepibili nelle prove interlaboratorio organizzate da UNICHIM, l’Associazione per l'Unificazione del Settore dell'Industria Chimica, a conferma dell’attendibilità dei parametri di analisi dei prodotti aziendali. Una sicurezza in più per gli agricoltori che scelgono Ilsa.

Leggi tutto

Il nuovo Regolamento Europeo sui fertilizzanti

ILSA racconta la sua esperienza di realizzazione dello studio di impronta ambientale di prodotto ( PEF) e di organizzazione (OEF. Il convegno vuole portare testimonianze di uso di questa metodologia...

Leggi tutto