Redazionali

Buono a Sapersi!
Contro il logorio della vita moderna

05/08/2017

Diceva un vecchio spot della televisione. Pubblicizzava un amaro a base di foglie di carciofo, arricchito da un infuso di 13 erbe; un prodotto naturale ricco di profumi e capace di conservare inalterate tutte le proprietà salutari dei suoi ingredienti.

Il carciofo è un ortaggio di origine mediterranea, sconosciuto allo stato selvatico, che deriva da selezioni del cardo: il carciofo ed il cardo domestico derivano da quello selvatico, a seguito di un processo di selezione che ha favorito nel primo lo sviluppo dell'infiorescenza, nel secondo la nervatura mediana delle foglie. È una pianta nota fin dai tempi antichi, era già utilizzato come alimento dagli egiziani e da greci e romani. La coltivazione del carciofo è diffusa maggiormente in Italia, meno anche in Francia e Spagna ed è poco nota altrove. Il segreto delle sue virtù risiede nella cinarina, la sostanza aromatica che gli conferisce il caratteristico sapore amaro e molte delle sue proprietà benefiche e terapeutiche. Contiene lo 0,15 % di grassi, il 3,1 % di proteine, il 5,4 % di fibre, l’1 % di zuccheri, l’85 % di acqua % e l’1,1 % di ceneri. Oltre ad essere ricco di elementi minerali (potassio, calcio, sodio, fosforo, ferro, magnesio, zinco, rame, manganese e selenio) il carciofo contiene vitamina A, le vitamine B1, B2, B3, B5, B6, B12, vitamina C, vitamina E e K.

Tra tutte le verdure i carciofi hanno il più alto livello di antiossidanti. Secondo l’USDA (U.S. Department of Agriculture) su 1.000 diversi tipi di cibi vegetali i carciofi sono al 7° posto per contenuto di antiossidanti. Queste sostanze, come è risaputo, sono uno dei principali mezzi di difesa del sistema immunitario nei confronti dei radicali liberi, sostanze dannose per la salute che possono dare origine a malattie pericolose tra cui anche i tumori. Hanno pochissime calorie, sono molto gustosi ed hanno molte fibre, consigliati per risolvere problemi di colesterolo, diabete, ipertensione, sovrappeso e cellulite. Molto apprezzati per le caratteristiche toniche e disintossicanti, per la capacità di stimolare il fegato, calmare la tosse e contribuire alla purificazione del sangue, fortificare il cuore, dissolvere i calcoli. Queste sostanze sono in grado di provocare un aumento del flusso biliare e della diuresi e in particolare la cinarina, svolge un ruolo importante poiché riesce ad abbassare il livello del colesterolo.

Alcuni studi indicano nei polifenoli contenuti nei carciofi, molecole importanti che li rendono particolarmente salutari: le sostanze mantengono notoriamente intatte le loro caratteristiche anche in caso di cottura a vapore, oltre ad avere proprietà antiossidanti e sembra che siano in grado di proteggere, almeno parzialmente, dai tumori. Il carciofo appartiene alla categoria delle piante perenni ed erbacee e presenta un'origine tipicamente mediterranea: infatti, si tratta di una pianta che si sviluppa soprattutto in quelle zone e quei luoghi che si caratterizzano per delle temperature piuttosto elevate lungo tutto il corso dell'anno.

Una coltivazione può essere sfruttata fino ad un massimo di un decennio.Tra i principali pericoli ambientali che possono sorgere per la pianta di carciofo troviamo sicuramente gli sbalzi termici e le brinate, che possono creare danni anche consistenti alla pianta. Temperatura: in un clima mite e sufficientemente umido il carciofo ha un ciclo normale autunno-primaverile, mentre tende alla produzione primaverile-estiva nelle zone più fredde. Resiste abbastanza bene fino a temperature di 0°C. Temperature inferiori possono provocare danni più o meno gravi alle infiorescenze ed alle foglie; a temperature inferiori a -10°C possono essere compromesse anche le gemme del fusto rizomatoso. Il carciofo risente anche della temperatura molto elevata: il caldo estivo spesso segna il riposo vegetativo.

Tra le buone pratiche agricole per stimolare le piante a produrre ed a mantenersi attive anche nei momenti critici, ILSA ha una linea completa di nutrizione, sia di concimi solidi ad alta efficienza che di biostimolanti e nutrienti fogliari. In particolare, ILSASTIMSET e gli integratori fogliari ILSAMIN MMZ e ILSAMIN CALCIO.

ILSASTIMSET fornisce energia vegetativa e regolarizza le fioriture riequilibrando lo scambio osmotico e la permeabilità delle pareti cellulari. Inoltre riduce la sensibilità agli stress termici e salini.

ILSAMIN MMZ e ILSAMIN CALCIO curano e prevengono le carenze specifiche dei carciofi, favorendo la fotosintesi e stimolando il recupero vegetativo.

Per saperne di più visita il sito www.ilsagroup.com

ILSA PER L'INDUSTRIA

 

Da sempre ILSA serve l’industria con materie prime naturali derivanti da processi industriali unici in grado di incrementare il potenziale e l’efficacia dei vostri fertilizzanti e biostimolanti. Con le soluzioni tailor-made o le materie prime di ILSA, crescono le opportunità per le industrie che puntano a formulare prodotti innovativi per distinguersi nel mercato.

SCOPRI DI PIU'

ilsa PER L'AGRICOLTURA

 

Biostimolanti e prodotti ad azione specifica, fertilizzanti organici ed organo minerali, solidi e liquidi, per l'agricoltura convenzionale e biologica, in grado di aumentare la qualità e le rese produttive, soddisfacendo al meglio le esigenze di agricoltori sempre più specializzati e rispettosi dell'ambiente.

SCOPRI DI PIU'


COSA PUOI COLTIVARE CON I PRODOTTI ILSA ?

Scegli la coltura di tuo interesse e scopri quali sono le soluzioni per la nutrizione e per la biostimolazione di ILSA.  

Registrandoti sul sito entrerai a far parte della community di ILSA a cui riserviamo la possibilità di consultare e scaricare tutta la documentazione di approfondimento altrimenti riservata, come dossier, schede prodotto, studi e relazioni, risultati di campi dimostrativi, e molto altro. Potrai inoltre richiedere piani di concimazione, anche ad hoc e scaricare quelli esistenti.

In Evidenza

LIFE BIOPOL: Attesi mercoledì i rappresentanti UE per la condivisione degli importanti risultati del progetto Ilsa, Codyeco, Università Cà Foscari, Dercosa ed Inpelsa

Lanciato nel 2015 e co-finanziato dalla EU nell’ambito del programma LIFE 2014-2020, LIFE BIOPOL ha dato prova di come sia possibile valorizzare sottoprodotti industriali, altrimenti destinati alla discarica, per formulare una chimica a basso impatto per il settore pelle...

Leggi tutto

ILSA al 22° Congresso Nazionale dedicato all’uva da tavola

Leggi tutto

I prodotti Ilsa sono quello che dicono di essere

Il laboratorio aziendale Ilsa totalizza risultati ineccepibili nelle prove interlaboratorio organizzate da UNICHIM, l’Associazione per l'Unificazione del Settore dell'Industria Chimica, a conferma dell’attendibilità dei parametri di analisi dei prodotti aziendali. Una sicurezza in più per gli agricoltori che scelgono Ilsa.

Leggi tutto

Il nuovo Regolamento Europeo sui fertilizzanti

ILSA racconta la sua esperienza di realizzazione dello studio di impronta ambientale di prodotto ( PEF) e di organizzazione (OEF. Il convegno vuole portare testimonianze di uso di questa metodologia...

Leggi tutto