ILSALEVA

Benefici
  • Stimola l’efficienza della fotosintesi, anche in situazioni limitanti
  • Consente di avere una vegetazione più verde e più sana
  • Permette il maggiore sviluppo dei tessuti vegetali

PROMOTORE DELLA FOTOSINTESI

La fotosintesi clorofilliana è il processo naturale che permette di ottenere composti organici da sostanze inorganiche, sfruttando l'energia solare. L’efficienza delle fotosintesi dipende dallo stato di nutrizione e idratazione dei tessuti vegetali, dalla presenza dei pigmenti specifici e dall’attività degli enzimi implicati nelle fasi (luminosa e oscura) dell’intero processo. Mancando solo una di queste condizioni, si riduce l’equilibrio vegetativo, con conseguente crescita stentata, malformazioni fogliari, colore pallido della vegetazione e scarsa produzione di metaboliti.

 

ILSALEVA consente il regolare svolgimento del processo di fotosintesi delle colture orticole (da frutto, da bulbo, da foglia, da tubero, da germoglio) permettendo il corretto sviluppo vegetativo, anche in condizioni di stress, sia in pieno campo che in serra.
La composizione di ILSALEVA, a base di triacontanolo di origine naturale, vitamine e specifici amminoacidi (glicina e acido glutammico sono fondamentali per la sintesi della clorofilla), anche di origine non proteica (acido gamma amminobutirrico) è stata studiata proprio per stimolare la fotosintesi delle piante da orto.
La presenza di triacontanolo ed altri composti volatili ad azione ormono-simile, inoltre, permette a ILSALEVA di stimolare l’attività degli enzimi che intervengono sul metabolismo primario (in particolare nel ciclo di Krebs) e di favorire la distensione cellulare, con un maggiore sviluppo vegetativo finale.


ILSALEVA
è uno strumento essenziale per tutte le colture orticole, per le quali le condizioni ambientali possono limitare l’efficienza fotosintetica dei tessuti verdi, lo sviluppo vegetativo e, quindi, la resa e qualità finale.

 

Programma
CONFEZIONI
1 - 5 - 20 kg
FORMULAZIONE
Liquidi - Fogliare
Richiedi Informazioni
Caratteristiche fisiche
  • LIQUIDO COLORE BRUNO
  • pH 5,5 ± 0,5
  • DENSITA' 1,14 ± 0,02 kg/dm3
  • CONDUCIBILITA' E.C. 1,70 ± 0,25 dS/m
COMPOSIZIONE
  • Amminoacidi Totali (%p/p) 6 %
  • Amminoacidi Liberi (%p/p) 1,8 %
  • Triacontanolo di origine naturale (mg/kg)
Contiene in particolare
  • IDROLIZZATO ENZIMATICO DI FABACEAE
Sostanze caratterizzanti
  • TRIACONTANOLO DI ORIGINE VEGETALE, ACIDO GLUTAMMICO, GLICINA, ACIDO GAMMA AMMINOBUTIRRICO, ESTRATTI VEGETALI BIOATTIVI, COMPOSTI VOLATILI

Azioni delle sostanze caratterizzanti

Efficienza della fotosintesi Stimolo della distensione cellulare
TRIACONTANOLO DI ORIGINE VEGETALE
AMMINOACIDI DI ORIGINE VEGETALE  
ESTRATTI VEGETALI E COMPOSTI VOLATILI
Dosi e modalità d'impiego
    • Patata
      2-2,5 kg/ha
      2-3 applicazioni, ogni 10-12 giorni, a partire da 10 giorni dopo il trapianto
    • Aglio e Scalogno
      1,5-2 kg/ha
      2-3 applicazioni, ogni 10-12 giorni, a partire da 15 giorni dopo il trapianto
    • Asparago
      1,5-2 kg/ha
      2-3 applicazioni, ogni 10-12 giorni, a partire da 15 giorni dopo il trapianto
    • Carota e Pastinaca
      2-2,5 kg/ha
      2-3 applicazioni, ogni 10-12 giorni, a partire da 10 giorni dopo il trapianto
    • Cavolfiore
      1,5-2 kg/ha
      2-3 applicazioni, ogni 10-12 giorni, a partire da 15 giorni dopo il trapianto
    • Cetriolo da mensa/ da sottaceti
      1,5-2 kg/ha
      2-3 applicazioni, ogni 10-12 giorni, a partire da 10 giorni dopo il trapianto
    • Cipolla
      1,5-2 kg/ha
      2-3 applicazioni, ogni 10-12 giorni, a partire da 15 giorni dopo il trapianto
    • Cocomero
      1,5-2 kg/ha
      2-3 applicazioni, ogni 10-12 giorni, a partire da 10 giorni dopo il trapianto
    • Finocchio
      1,5-2 kg/ha
      2-3 applicazioni, ogni 10-12 giorni, a partire da 15 giorni dopo il trapianto
    • Fragola
      1,5-2 kg/ha
      2-3 applicazioni, ogni 10-12 giorni, a partire da 10 giorni dopo il trapianto
    • Melanzana
      1,5-2 kg/ha
      2-3 applicazioni, ogni 8-10 giorni, a partire da 10 giorni dopo il trapianto
    • Melone o Popone
      1,5-2 kg/ha
      2-3 applicazioni, ogni 10-12 giorni, a partire da 10 giorni dopo il trapianto
    • Peperone
      1,5-2 kg/ha
      2-3 applicazioni, ogni 8-10 giorni, a partire da 10 giorni dopo il trapianto
    • Pomodoro
      1,5 - 2 kg/ha
      2-3 applicazioni, ogni 8-10 giorni, a partire da 10 giorni dopo il trapianto
    • Pomodoro in serra
      0,2-0,3 kg/1.000 m2
      2-3 applicazioni, ogni 8-10 giorni, a partire da 10 giorni dopo il trapianto
    • Zucchino
      1,5-2 kg/ha
      2-3 applicazioni, ogni 10-12 giorni, a partire da 10 giorni dopo il trapianto
    • Basilico
      2-2,5 kg/ha
      2-3 applicazioni, ogni 7-8 giorni, a partire da 10 giorni dopo il trapianto
    • Bietola da costa
      2-2,5 kg/ha
      2-3 applicazioni, ogni 7-8 giorni, a partire da 10 giorni dopo il trapianto
    • Broccoletto di Rapa
      2-2,5 kg/ha
      2-3 applicazioni, ogni 7-8 giorni, a partire da 10 giorni dopo il trapianto
    • Carciofo
      2-2,5 kg/ha
      2-3 applicazioni, ogni 7-8 giorni, a partire da 10 giorni dopo il trapianto
    • Cavolo Cappuccio
      2-2,5 kg/ha
      2-3 applicazioni, ogni 7-8 giorni, a partire da 10 giorni dopo il trapianto
    • Cavolo di Bruxelles
      2-2,5 kg/ha
      2-3 applicazioni, ogni 7-8 giorni, a partire da 10 giorni dopo il trapianto
    • Cavolo verza
      2-2,5 kg/ha
      2-3 applicazioni, ogni 7-8 giorni, a partire da 10 giorni dopo il trapianto
    • Cicoria
      2-2,5 kg/ha
      2-3 applicazioni, ogni 7-8 giorni, a partire da 10 giorni dopo il trapianto
    • Indivia (riccia e scarola)
      2-2,5 kg/ha
      2-3 applicazioni, ogni 7-8 giorni, a partire da 10 giorni dopo il trapianto
    • Lattuga
      2-2,5 kg/ha
      2-3 applicazioni, ogni 7-8 giorni, a partire da 10 giorni dopo il trapianto
    • Prezzemolo
      2-2,5 kg/ha
      2-3 applicazioni, ogni 7-8 giorni, a partire da 10 giorni dopo il trapianto
    • Radicchio
      2-2,5 kg/ha
      2-3 applicazioni, ogni 7-8 giorni, a partire da 10 giorni dopo il trapianto
    • Rucola
      2-2,5 kg/ha
      2-3 applicazioni, ogni 7-8 giorni, a partire da 10 giorni dopo il trapianto
    • Spinacio
      2-2,5 kg/ha
      2-3 applicazioni, ogni 7-8 giorni, a partire da 10 giorni dopo il trapianto

La dose indicata nella tabella è calcolata considerando un volume di adacquamento di circa 500-600 litri di acqua per applicazione. I dosaggi riportati sono da ritenersi puramente indicativi e possono variare in funzione delle condizioni pedoclimatiche e delle rese medie attese.

 
LEGENDA ICONE
Il logo Agricoltura Biologica ILSA certifica che il fertilizzante può essere impiegato in agricoltura biologica.
Il logo Foliar Fertilizer evidenzia i prodotti da somministrare per via fogliare che si caratterizzano per la sicurezza d'impiego, per il basso peso molecolare e per la presenza di amminoacidi in forma prevalentemente levogira.
Prodotti che contengono matrici di origine vegetale ottenute per idrolisi e/o estrazione da fabaceae, lieviti, zuccheri, alghe,  ecc.